• Io le spezzo le catene

    Ti sto ascoltando e ti sto osservando.  Non muovo un muscolo ma sono qui con te.  Stai male lo sento.  Dov’è la tua libertà?  La leggerezza di una risata.  Tu sei nata per essere libera ovunque tu sia, qualsiasi cosa tu faccia.  Toglietemi le catene.  Io le spezzo le catene.  Non sfidatemi perché io sono un uragano.  Sto cercando di restare calma mentre ascolto tutte queste sensazioni.  Vuoi urlare lo sento.  Vorresti uscire e correre, correre senza meta, correre senza fiato, vorresti solo muoverti.  Corri piccola, arriva più lontano che puoi, non pensarci, corri, corri.  Non guardare indietro perché ogni giorno tu sei un qualcosa di diverso.  Resta lucida.  Resta…

  • La pioggia è sacra

    Qui piove spesso.  C’è brutto tempo, il vento è così freddo che ti ghiaccia il viso, il naso diventa rosso.  Guardi il mondo da dietro una finestra e non esci perché piove.  Al diavolo.  La pioggia non ha mai ucciso nessuno anzi nutre la natura.  La pioggia è buona e il brutto tempo non esiste.  I nostri pensieri sono brutti.  Ogni temperatura ha i suoi pro e contro e la pioggia è bella.  Uscire con l’ombrello e camminare lungo le strade circondate dalla natura.  Sentire il rumore della pioggia che tocca l’ombrello, l’asfalto.  Sentire l’acqua che cade nei tombini e vederla scorrere veloce sulla strada.  Osservare tutte quelle piccole gocce…

  • Sono un po’ fuori di testa

    Sono un po’ fuori di testa.  Odio e amo tutti.  Schivo gli esseri umani ma poi li cerco.  Vorrei reincarnarmi in un oggetto.  Vorrei non provare emozioni ma allo stesso tempo vivo di quelle.  Parlo da sola continuamente.  Ballo in strada e cammino a piedi nudi.  Sento la vita sotto la pianta del piede, sento l’asfalto che scotta per il sole e sento l’erba bagnata dalla pioggia.  Sono fuori di testa.  Stravolgo la vita delle persone e poi scappo chiedendo scusa.  Ne penso una più del Diavolo e poi faccio tutto quello che mi passa per la testa.  Ogni volta cerco di più.  Non mi accontento mai.  Non c’è una…

  • Negroni

    Una volta assaggiai un drink chiamato Negroni.  Da quel giorno diventò il mio drink preferito.  La cosa buffa è che poco prima ero quasi astemia ma da quando provai lui, me ne innamorai a tal punto da iniziare a berne quattro o cinque a serata.  Chi conosce questo cocktail sa quanto sia forte.  Mi piace perché si presenta bene.  Te lo servono in questo bicchiere di vetro trasparente, su metà bicchiere normalmente ci sono dei disegni geometrici scavati, mentre altre volte il bicchiere è totalmente liscio.  Preferisco il primo.  Nonostante sia molto semplice da preparare in pochi lo sanno fare.  Quando me lo servono slavato proprio non lo sopporto.  E’…

  • Surfare su un oceano di critiche

    Esistono queste cose chiamate critiche.  Quando ad esempio scrivi qualcosa sui social, devi tenere presente che potresti ricevere delle critiche.  Stessa cosa se decidi di creare un Blog o semplicemente se parli con delle persone che puoi o meno conoscere.  Ci sono due tipi di critiche, quelle costruttive e quelle “cattive” o almeno a me piace chiamarle così.  Siamo tutte persone diverse e per questo è normale avere opinioni diverse ma ciò che non capisco è chi insulta la gente.  Se leggo una cosa che non mi piace o sulla quale non sono d’accordo, semplicemente la ignoro, passo avanti ma non polemizzo.  Non lo faccio perché lo trovo stupido, improduttivo…

  • Un breve istante nell’Adesso

    Che problema ho in questo momento?  Nessuno in realtà.  Ho appena finito di mangiare tre fette di pane fatto in casa, con prosciutto cotto e formaggio.  L’ho mangiato in piedi osservando l’intera cucina e ogni tanto osservando il pane.  Era così buono, semplice ma buono.  Erano quattro mesi e mezzo che non mangiavo del prosciutto.  In questa casa non mangiamo il prosciutto.  In questo preciso istante, invece, sono seduta sulla sedia della scrivania in camera mia.  Non è proprio camera mia, lo è solo momentaneamente.  Sto scrivendo questo articolo con una delle due piccole finestre aperte.  C’è così silenzio in casa oggi che si possono apprezzare tutti i rumori esterni. …

  • Gli schemi del piacere

    Ho imparato ad essere totalmente diretta con me stessa.  Non ho bisogno di un uomo per forza ma nonostante questo quando un ragazzo mi piace davvero, io non so gestire la situazione.  L’emozioni si prendono tutto ed io non riesco a muovermi in maniera lucida.  Non riesco a farmi desiderare.  Sono diretta e provo in tutti i modi a conquistare chi mi ha colpito.  Sono maledettamente schietta e questo mi fa anche sorridere ma sto iniziando a percepire che non è la tattica giusta.  Più che parlare di tattiche semplicemente lo trovo irrispettoso per me stessa.  Non ho bisogno di correre dietro a nessuno e non ho più voglia di…

  • Assapora la vita

    Ogni giorno puoi essere chi vuoi.  Una persona nuova.  Ci hai mai provato?  Dimenticati di tutto ciò che sei stato il giorno prima e assapora la tua nuova vita.  Sii curioso.  Respira e chiudi gli occhi poi riaprili e ammira la vita.  Stasera voglio chiudere questo giorno guardando i miei piedi.  Ho messo lo smalto dopo mesi e subito quest’ultimo gli dona un’aria così femminile.  Prendono vitalità e sono anche sexy a tratti.  Sono un po’ buffi, sono esattamente come la persona che sono.  Amo i miei piedi.  I piedi ci tengono in piedi e ci permettono di camminare per un sacco di chilometri.  Ci fanno correre e saltare, ci…

  • Gorgonzola

    Potrei scriverci un poema su di te.  Indubbiamente il mio piatto preferito.  Sono pazza di te e lo sono a tal punto da non buttare niente.  Mi piaci in ogni forma, con la pasta, col pane a mezzanotte o semplicemente assaporarti da solo.  La mia versione preferita è sicuramente quando ti unisco alla pasta.  Non una qualsiasi, devono essere Penne rigate e la cottura deve assolutamente essere al dente.  Partiamo dal presupposto che già quando ci incontriamo al supermercato io mi esalto.  Solo guardarti mi trascina in un orgasmo di sapore.  Prestabilisco quando ti cucinerò e quando arriva quel giorno non posso che essere felice.  Mi sento come una neonata…

Translate »