• Mademoiselle Vintage

    Voglio solo la vita alta. Questi negozi non mi soddisfano più. Non trovo abiti. Vedo solo pezzi di stoffa senza vita. Tutti uguali per una massa di burattini. Io non sono una marionetta. Non voglio esserlo. Io sono viva. L’esigenza di un qualcosa di unico mi attira. Mi guardo in torno. Queste vecchie stoffe messe a nuovo mi fanno sognare. Posso assaporare le sensazioni di una vita passata. Immergermi nel vintage sentendomi nel mondo reale. Forse, da questo mondo, preferirei scappare. Questi colori e queste stoffe mi fanno sopravvivere meglio. Mi fanno sentire diversa. Mi colorano la vita. Il progetto Mademoiselle Vintage regala pezzi vintage ed abiti di seconda mano.…

  • Melina Heartmade

    Quante figure che vedo. Tutti quei colori così vivaci. Nessun freno. I colori si contrastano fra loro creando vita. Una vita spensierata. Genuina. Quelle arricciature così piccole mi spezzano il cuore. Mi immagino la bellezza di vederle riempite da quegli esseri così minuscoli. Vederli camminare senza aver paura dell’ignoto. Osservare ogni loro piccolo muscolo. Farmi regalare ogni cosa senza bisogno di usare le parole. Lasciarmi trascinare solo dallo loro spontaneità. Melina Heartmade contribuisce a creare piccoli abiti ed accessori per questi dolci gnometti. MELINA HEARTMADE Dietro Melina Heartmade c’è una donna di nome Roberta. La sua famiglia è piena di artisti ma in particolare è sua nonna che le tramanda…

  • Dandy Vitelli

    Devo guardare oltre e attraverso. Sento la necessità di trovare parole nuove. Non mi voglio sforzare. Un dono va coltivato non sforzato. Ho bisogno di respirare. Di sentire il respiro. Ho lo sguardo perso. Rapito dal mondo. Mi lascio trascinare da quella foschia che mi annebbia. Non sono realmente lì, la mia testa non è con me. Mi nutro dell’arte altrui per coltivare la mia. Rubo le loro emozioni come le api prelevano il miele. Ho bisogno di loro per consumare la mia arte. Voglio consumare la penna come Dandy Vitelli consuma cartoncini colorati per vivere nella sua di arte. DANDY VITELLI Dandy Vitelli inizia a lavorare con la carta…

  • Anni fa ho lasciato questa casa ma lei era quì

    Mi manca il fiato.  Qualcuno mi aiuti.  Ho bisogno di un qualcosa che accolga il mio pianto.  Mi sento franare dentro.  Ogni pezzo ha perso la certezza.  Anni fa ho lasciato questa casa ma lei era quì.  E’ sempre stata quì ma fra poco non ci sarà più per me.  Qualcun altro entrerà a far parte di queste mura.  Un’altra storia si costruirà fra risa e pianti.  Ventuno anni della mia vita mi stanno scorrendo davanti agli occhi come se stessi per morire.  Sto cadendo da un burrone e nessuno può salvarmi.  Raccolgo ogni piccolo dettaglio che prima era lì quasi per caso.  Mi aggrappo ad ogni dettaglio.  La bambina…

  • Fermate la corsa e fatemi scendere

    Ogni partenza è un vortice.  Nella testa volano i pensieri.  Nello stomaco si posano.  Alcuni pesano come tanti piccoli sassi.  Questo continuo andare e tornare mi sta nauseando.  Fermate la corsa e fatemi scendere.  Voglio camminare.  Ho il mal d’auto.  Un po’ di nausea alla vita ma fatemi scendere.  Dove trovo la forza di affrontare tutte queste piume taglienti.  Come una trottola viaggio spinta dalla scia dell’universo ma adesso fermati.  Lasciami respirare.  Lasciatemi osservare la vita così com’è.  Fa male lasciare tutto ogni volta.  Ritrovarsi è come trovare la serenità ma dura poco.  Tutto mi sfugge veloce fra le dita ed io non riesco ad afferrarlo.  Sulla tastiera sono schegge…

  • Tornerò a salvare anche te

    Sono logorroica ma se fa male non escono le parole.  Perdo le parole.  La voglia di parlare.  Mi chiudo nel silenzio perché certe cose non è facile spiegarle.  Vengo fraintesa ma non mi importa.  Mi importa di te.  Mi brucia il cuore se sto che stai male.  Espormi troppo con te mi fa paura.  Le emozioni si smuovono tutte ed io ho paura.  Sei un’anima incompresa.  Lo sono anche io.  Ero così vicina alla morte. Chissà se lo sai.  Tu sei chiuso come un riccio.  Io aperta come una rondine.  Abbiamo entrambi un cuore fragile.  Forse con le stesse paure.  Comunichiamo a fatica.  Nessuno ci ha insegnato a farlo.  Ci…

  • Terre Olivastre

    Bisogna seguire l’istinto. Andare dove l’universo ci spinge. Lo fa con prepotenza. Con la mente cerchiamo di resisterle. Lui ci trascina sempre allo stesso punto finché non ci arrendiamo. Fino a quando non lo capiamo. I profumi sono così diversi. Non si può spiegare. Il silenzio è fondamentale. Le parole vogliono assaporare con me. L’ambiente ci sorride. Non sai quale scegliere perché tutto è così meraviglioso e travolgente. Questa scia magica la crea Emanuela con il suo progetto Terre Olivastre. TERRE OLIVASTRE Emanuela è il nome di chi c’è dietro a Terre Olivastre, sul suo sito Instagram si può leggere e percepire alcune delle sue emozioni. Racconta di quando si…

  • Un letto di fiori morti

    Fiori morti che circondano.  Lasciano intravedere un mare immenso.  Qualcuno ci ha visto la mia anima.  Stressata ma ancora in piedi.  Mi chiedo per quanto tempo sarà così.  C’è tutta una psicologia dietro questa vita.  Anche la più piccola sfumatura va studiata e compresa.  Siamo tutti diversi ma uguali.  Io mi rispecchio in te e tu in me.  Quando qualcuno non ci piace è perché noi ci rispecchiamo in esso.  Se qualcosa a me non va devo stare attenta a come mi esprimo per non ferire l’altra persona.  Esprimo la mia opinione sono oppositiva.  Se non lo faccio non accetto il confronto.  Vorrei aiutare a fare qualcosa allora chiedo ma…

  • Clove Lab Shop

    Non ricordo esattamente la data. Ricordo però l’imprinting. E’ stato amore a prima vista. Ogni capo attirava la mia attenzione. Attira la mia attenzione. Sono così stanca di quei capi da centri commerciali. Tutti uguali. Ogni catena propone catene di vestiti uguali. Ogni negozio mi soffoca. Spengono la fiamma che c’è in me. Clove Lab Shop ha saputo ravvivare il fuoco che si stava spegnendo. Con i suoi vestiti io mi sento viva e bella. CLOVE LAB SHOP Dietro questa piccola realtà c’è un ragazzo di nome Antony. Lui ha una gentilezza che hanno in pochi. Una volta mi cambiò un abito che non mi stava anche se a distanza…

  • Mnemosyne Handmade

    Molte volte ho raccontato delle mie mani. Ho osservato i movimenti con cui le dita scrivono sul mio computer. Le ho ringraziate. Sono rimasta in silenzio solo per meditare sulla potenza che contenevano. Le mani ci permettono di fare dalle piccole alle grandi cose. Dobbiamo amarle ogni giorno e farlo davvero. Io amo le mie mani e penso siano così belle. Tanto belle che forse non me le merito. In questo articolo vorrei presentarvi le mani di Mnemosyne Handmade. Una ragazza che in un momento di totale monotonia ha saputo usare al meglio le sue potenzialità. MNEMOSYNE HANDMADE Dietro questo nome c’è Elisabetta una ragazza con basi scolastiche prettamente artistiche.…

Translate »