• Scrittrice vola senza catene

    Tutto è arte anche quando non lo vediamo.  Spesso gli occhi percepiscono solo quello che più gli fa comodo.  Ci sono tanti tipi di abilità.  La mia è la scrittura.  Qualcuno mi ha chiesto come faccio a sapere che sono brava a scrivere.  Lo so.  Lo sento.  Quando scrivo i pensieri viaggiano senza che io mi sforzi, come in questo momento.  Sono veloce, le mani sfrecciano ed io non le controllo.  Per me questo è vero talento.  L’arte è quando non sai cosa uscirà ma ti lasci trasportare.  E’ quel flusso che ti commuove.  Io mi emoziono quando scrivo.  Tutto quello che ti permette di dire ciò che a voce…

  • I volti senza vita

    Ho visto una scena di un film.  Un’immagine semplice che mi ha soffocato il cuore.  Una stazione.  Alunni ed insegnanti che aspettavano il treno insieme.  Attendevano l’arrivo del loro eroe.  Avevano uno striscione enorme fra le mani.  Gli sguardi di chi ha fretta di abbracciare.  I corpi tremanti.  Le bocche libere di respirare, di ridere e di urlare.  La voce libera di uscire anche solo per parlare.  Mi manca poter uscire e stare in totale libertà in mezzo alla gente.  Sentire l’amore.  Ultimamente si sente solo la paura. Ci state togliendo la vita con la scusa di proteggerla.  Ci avete coperto l’unica cosa che ci contraddistingue.  La parola.  I nostri…

  • Col cappello di paglia

    Ci si incontra così per caso. Non ci sono aspettative.  Ognuno prende confidenza con i suoi tempi. I racconti prendono vita insieme alle risate.  Il profondo si colora di un blu intenso.  Diventiamo parte della vita altrui colorandoci della sua tonalità.  Ci mescoliamo.  Viviamo l’attimo soffermandoci su quanto sia bella la semplicità.  C’è una sottile scia di rabbia.  Le giornate vanno storte ma l’universo ci trasporta.  Non perdiamo la fede nella vita.  Tutto quello che accade ha una ragione.  Ho sentito i tuoi lamenti dolci.  Il mio corpo si è attivato ed era curioso di te.  La parte malsana di me cercava scuse.  Si faceva limitare dal come attirare la…

  • Linee laccate di chi osa

    C’è un qualcosa di diverso quando apri quella porta. Si percepisce anche da così lontano. Quell’atmosfera così intensa ti rapisce. Puoi sognare ad occhi aperti. Sei parte di quegli anni trenta così affascinanti.  Se chiudo gli occhi e apro la mente posso sentire tutto. Il rumore delle macchine e le voci della gente. I tacchi delle signore. Posso sentirmi parte di quello spazio così lontano. Ho la possibilità di osservare tutte quelle linee laccate che definiscono i capelli. Linee decise che fanno di te un uomo vecchio stampo. Un’impronta decisa che non passa inosservata. Non tutti le possono sfoggiare. Il diverso spaventa e allo stesso tempo mi attrae. Ci attrae.…

  • Da fanciulla a regina

    Il passaggio da fanciulla a regina è così sottile e naturale.  Tutto fiorisce dentro di noi. I fiori sbocciano a tempo debito ma noi non li osserviamo. E’ il corso della natura. Sappiamo che va così. Non gli dedichiamo tempo. E’ difficile realizzare il momento in cui avviene il distacco. La trasformazione o l’unione. Ieri ho cucinato e poi ho lavato i piatti. Ho guardato le mie braccia e le mie mani. Ho esaminato in silenzio i movimenti con cui mi prendevo cura di quegli oggetti. Le mani piene di sapone. L’acqua che scorreva nel lavandino. Ho avuto un momento di pienezza totale. Ho sentito i brividi ed ho pensato:…

  • Non è vita né morte

    Tutta la tristezza ritorna.  Ti svegli da un giorno all’altro e lei ti assale.  E’ così forte che ti conduce in basso.  Senti il cuore far fatica.  Ogni pulsazione ti toglie il respiro.  Non riesci a concentrarti sul presente.  Il fiume di negatività ti fa rimuginare sul passato.  Subito dopo al futuro.  Entri in uno stato confusionale dove piangere è l’unico appiglio.  Ti senti un errore e non ti interessa la vita.  Pensi a quanto sarebbe liberatorio lasciarti andare.  Senti la leggerezza al pensiero di finire tutto in quell’istante.  Morire.  Chiudere gli occhi.  Spegnersi e bloccare quel fiume dall’acqua nera.  Sento il brivido lungo la schiena al solo pensiero.  Faccio…

  • Male alla malata

    Arrivi all’improvviso.  Non riesco a frenarti.  La verità è che forse non voglio darti una fine.  Voglio esplorarti.  Ho l’esigenza di arrivare sempre più in profondità.  Ho la potenza di poterti finalmente guardare.  Tutte le ferite si stanno sciogliendo.  Arrivi veloce e non importa cosa io stia facendo.  Quando tu arrivi ti fai sentire.  Penetri dentro me, dentro la mia anima.  Il mio spessore perde lucidità.  Il mio intelletto va in estasi e continua finché c’è la forza.  Mi lascio conquistare da te.  Dai tuoi scatti.  Mi abbandono alla tua premura.  Ti coltivo e custodisco con attenzione.  Tutto è centrato su di te.  Su di noi.  Lo spazio si rimpicciolisce…

  • La Rosa piena di spine

    Non volevo nessuno però ho scelto te. Eri l’ultima a cui pensavo, l’ultima a cui davo amore.  Sempre pronta a preferire ed aiutare gli altri non mi accorgevo di quanto il tuo profumo di rose mi avvolgesse.  Quell’odore che mi faceva sentire al sicuro.  Mi soffermavo sulle cattiverie delle persone e non ascoltavo te.  Ti ho lasciata andare e tu sei arrivata all’orlo di un burrone.  Ricordo il cuore che pulsava veloce e la mente annebbiata.  Tutta quella paura mi faceva vibrare il corpo.  I pianti fino a finire le lacrime.  Non avevo più idea di chi io fossi finché non ho abbandonato questa ricerca.  Io ero e non ero. …

  • L’amore che umilia

    Cari genitori lo so che mi amate.  Donate un’intera vita per me.  Mi venerate a tal punto che mi opprimete.  Schiacciate il mio mondo con il vostro amore.  Mi annientate.  Mi sento soffocare e nessuno di voi se ne accorge.  Urlo ma nessuno mi sente.  Mi programmate una vita intera e mi obbligate ad essere come voi.  Solo quello che fate voi è giusto.  Non mi sento autonoma nelle mie scelte.  Desidero solo essere libera di sbagliare.  Vorrei realizzare ciò che davvero fa parte di me.  Vivere e capire chi sono senza farmi deviare la strada da voi.  Cari vecchi lo so che mi amate ma lasciatemi vivere la mia…

  • Le braccia tatuate

    Ho le braccia tatuate.  Mi sono sempre piaciuti i tatuaggi ed ho iniziato a tatuarmi molto tempo fa.  Ho preso dal mio papà.  Mia madre non li sopporta.  Molto spesso la gente mi chiede cosa farò quando sarò vecchia con tutti questi colori sul corpo.  Mi dicono che sono belli ora ma quando sarò vecchia, ci pensi?  Le trovo un po’ tristi queste persone.  Vivono con la presunzione che la vita duri fino alla vecchiaia.  Dove sta scritto che moriremo tutti con le rughe ma sopratutto è davvero questo ciò che conta?  Credo sia così sbagliato vivere con l’idea che il normale scorrere della vita sia invecchiare.  Nascere, crescere, invecchiare…

Translate »