Sabbia

Quando il sole è alto in cielo la sabbia brucia, devi avere una grande forza mentale a percorrere una spiaggia a piedi nudi in quel caso. Io faccio parte di quel gruppo di persone che saltella sofferente se dimentica le ciabatte all’ombrellone. Negli ultimi anni della mia vita la vivo spesso la sabbia. Quando la temperatura non è alta ci posso giocare, la prendo con le mani e la lascio scivolare fra le dita. Se le mani sono asciutte il processo avviene veloce ma non è mai troppo preciso, rimangono sempre dei granelli che mi costringono a battere le mani fra loro per poter eliminare tutti i residui. Un ricordo del mare del Cilento mi pervade in questo momento insieme all’odore di Graffa calda, appena sfornata e fumante. La miglior combinazione è guadare la spiaggia attraverso il buco della ciambella, due semplici piaceri che tutti dovremmo regalarci. Il ricordo della sabbia mi sta stretto quando penso al rientro dal mare, quel momento in cui ti accorgi di avere milioni di sottilissimi //

SABBIA

Una breve descrizione dettata dall’uso dei sette sensi nei miei dieci minuti quotidiani. 

Sensazioni ed emozioni a getto.

Per informazioni e collaborazioni: poaneu@outlook.com

Twitter: https://twitter.com/home

Instagram: https://www.instagram.com/poaneu/

Facebook: https://www.facebook.com/Poan-108625097632377

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »